Solidarietà e fraternità al Liceo Tedone: gli studenti liceali “spezzano il pane” nella raccolta alimentare cittadina

foto al

 

“Arriva il momento in cui spezzo il pane con i miei “randagi” di strada. È il momento più bello, che mi fa capire quanto la Chiesa sia davvero santa nei suoi testimoni sconosciuti e nascosti agli occhi del mondo”.

Parole “sante”, quelle di Don Andrea Gallo, pronunciate quando esortava a prendersi cura degli umili, dei poveri, “osando la speranza” di una vita dignitosa. In questo cammino è fondamentale l’impegno di tutti, nella consapevolezza che nel momento in cui si dona si riceve. La Caritas è sul fronte da sempre per aiutare quelle famiglie in difficoltà e lo fa con rispetto, cura, gioia e sorrisi. Sabato 2 dicembre 2017, le Associazione Noi per Voi e Ruvo solidale, in collaborazione con l’Assessorato alle politiche sociali di Ruvo di Puglia, hanno organizzato una raccolta alimentare dal titolo “Mani nelle Mani” alla quale abbiamo partecipato come studenti del Liceo Scientifico e Linguistico “Orazio Tedone”. Dopo esserci ritrovati presso la sede della Caritas, i volontari dell’associazione ci hanno accompagnati nei vari punti vendita che hanno aderito alla raccolta. A differenza degli altri anni, oltre alle grandi catene, sono stati coinvolti anche i piccoli negozi di alimentari. Presso i supermercati noi studenti abbiamo affiancato i volontari e i ragazzi della comunità CASA invitando i cittadini ad acquistare e donare prodotti a lunga conservazione. Ci ha riempito di gioia vedere come gran parte della città di Ruvo abbia contribuito al successo dell’iniziativa, partecipando attivamente al sostegno delle persone più bisognose. Il sindaco di Ruvo, prof. Pasquale Chieco, ha ringraziato personalmente tutti gli studenti e i volontari, sottolineando il valore fondamentale della solidarietà e del dono all’interno di una comunità. Siamo stati entusiasti di aver preso parte a un’azione di aiuto così importante, organizzata nell’ambito delle azioni di solidarietà curate, all’interno del Liceo Scientifico e Linguistico “O. Tedone, dal prof. Giuseppe Acella e che hanno previsto anche l’istituzione di un punto raccolta alimentare nel Liceo tedone in modo da coinvolgere nelle iniziative di solidarietà tutti gli studenti del Tedone. Possiamo dichiarare con orgoglio che il nostro entusiasmo è stato accompagnato dalla crescita come cittadini e come persone: ci siamo accorti, infatti, che le situazioni di povertà sono molto più numerose di quanto potessimo immaginare, ma proprio in questo clima di difficoltà il nostro sostegno acquista maggior valore.

 “Un osso a un cane non è carità. Carità è l’osso condiviso con il cane quando tu sei affamato quanto lui”. Scriveva Jack London e a ricordarcelo è un amico del nostro Liceo Tedone, Erri De Luca, (ospite lo scorso anno con un dialogo appassionato con gli studenti liceali nell’ambito del progetto “Al Tedone con l’autore”). “La carità – scrive Erri- è un gesto personale e dipende da un’occasione che spinge a praticarla. Oltre di essa esiste un sentimento collettivo che moltiplica e organizza su scala maggiore il sentimento della carità: la fraternità. […] È lo spirito che tiene insieme una comunità e le consente di essere libera e uguale, prima di tutto al suo interno. È il sentimento di appartenere a una più vasta famiglia umana. È la condivisione di una sorte comune”.

Arianna Di Terlizzi e Silvia Girasoli – classe III B

foto alim 1

foto alim

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter